• Home       • Chalet        • Posizione        • Camere        • Ristorante       • Servizi        • Tariffe       • Offerte / Lastminute       • Mare & Monti
 
Chalet Hotel Bormio
LocalitÓ Cancano - Bormio - Italia
23038 Valdidentro (Sondrio)
Tel +39 0342 919434
Fax +39 0342 905222
e-mail info@chaletvillavalania.it
italiano              deutsch     
   
Richiesta Informazioni
Escursioni
Noleggio MTB
Iscriviti alla newsletter
Reception on line
  Booking on line

La Fortezza del Monte Scala tra Arte e Cultura

Il Monte Scale, raggiungibile solamente a piedi, pur essendo una montagna relativamente bassa di quota (è infatti di soli 2.521 metri sul livello del mare) ha sempre rivestito un certo fascino per l'escursionista, essendo la cima montuosa che domina l'ampia conca di Bormio. Nei tempi passati, ha avuto una grande importanza strategica non solo per il nodale punto delle Torri e delle Scale di Fraéle (il nome del monte com'è intuibile. deriva proprio da qui ed una volta era anche chiamato Cima Scalotta) ma anche perchè durante la Guerra del 1915-18, sulla sua cima trovò sede una base militare costruita nel 1911-1912, con tanto di Forte e di cannoni che puntavano sullo Stelvio e che appoggiavano ed integravano le azioni offensive del Forte Venini di Oga, contemporaneo corne età. I tiri si alternavano a quelli del Forte di Oga. Nel luglio e nell'agosto del 1918, l'offensiva austriaca si fece più decisa, i cannoni imperiali sullo Scorluzzo e sulla Dreisprachenspitze, armamento rafforzato come numero dei cannoni che erano al vecchio Forte del 1859 di Gomagoi, bombardavano incessanti e l'Autorità Comunale di Bormio aveva già pronto un manifesto nel quale si invitava la popolazione ad evaquare il paese: "... si invita la popolazione ad andare ad abitare altrove. Per l'indennità ai bisognosi provvederà l'Autorità Militare". Ma la valle rimbombò dei eolpi di Oga e di quelli del Monte Scale, che respinsero con vigore il violento attacco. "A Bormio tremavano i vetri delle finestre!", viene tramandato nei ricordi orali. Va ancora ricordato che nell'agosto del 1915 il Forte del Monte Scale fu visitato, assieme alle altre postazioni difensisive della zona, nientemeno che dal Re Vittorio Emonuele III in persona.
Lo Chalet Villa Valania, tra le Torri ed il bel laghetto di Fraéle, è stato costruito sui ruderi di una casermetta progettata in occasione della I Guerra Mondiale dall'Ing. Genio Militare Valania. A sua volta, per costruire questa casermetta, furono utilizzate molte pietre ricavate dai resti della vicina Chiesetta di S.Antonio (ora scomparsa e per costruire la quale, nel 1850. furono usate pietre diroccate della più bassa delle Torri di Fraéle). Villa Valania era stata adibita a comando della seconda Zona Difensiva, mentre la sede centrale era posta ai Bagni Nuovi. Sulla vetta minore del Monte Scale (m. 2.495) è sita una grande croce, rimessa a nuovo ne1.986, che ricorda tutti coloro che sono caduti durante i lavori di costruzione degli impianti idroelettrici della Valle di Fraéle. A fianco della croce è sita una bronzea statua raffigurante un soldato, che in origine era posta sul monumento ai Caduti a Bormio.


Il giro Val Vezzola - Val Frèla
Alla conquista del Monte Scale

La Fortezza del Monte Scale - tra arte e cultura

La Valle del Gallo